domenica 15 dicembre 2019, ore
HOME
IL ROMA - Caiazza: "La Procura fa bene ad indagare ma non macchiate il volto di Napoli"
13.11.2019 10:45 Fonte: Salvatore Caiazza per il Roma

Una città da amare. Da vivere fino in fondo prima di andare via. Ma c’è qualcuno oggi che vuole macchiare il volto di Napoli per degli episodi che sono accaduti a dei calciatori azzurri. In qualasiasi parte dell’Italia ci sono atti deliquenziali. Non più di una di due settimana fa a Marchisio sono entrati i ladri in casa e si sono portati via tutto quello che hanno trovato. L’ex centrocampista della Juventus ha vissuto attimi di terrore e ha temuto per la sua famiglia. Ma pare che nessuno abbia detto che Torino sia invivibile. Per amor del cielo, fa bene la Procura ad aprire un indagine sul caso Allan e sul furto del navigatore dell’auto della moglie di Zielinski. Ma da qui a far passare la città in riva al Golfo come pericolosa da viverci ce ne vuole. Qualcuno ha raccontato che le wags stanno pensando di andare ad abitare in albergo sperando che finisca presto la stagione per poi chiedere ai mariti di essere ceduti. Se il ciclo è finito va benissimo. Anche in virtù dell’ammutinamento nella notte Champions. Ma prendere a prestesto gli episodi per screditare la piazza e far passare un messaggio sbagliato non è il caso. Gli investigatori stanno lavorando attentamente e riusciranno sicuramente a capire cosa sia successo sia alla famiglia Allan che alla moglie del centrocampista polacco.?Si capirà se sono episodi collegati alla rabbia dei tifosi o se è stato solo casuale che abbiano subito dei furti. Il Napoli sarebbe penalizzato moltissimo anche per il futuro con questa macchia. Perché poi sarebbe difficile convincere qualche grande acquisto a vestire la maglia azzurra. Anche perché?la moglie se ne riguarderebbe bene di lasciare magari Madrid o Monaco per vivere all’ombra del Vesuvio. Già è successo in passato che le lady hanno deciso il futuro dei loro uomini lontano da Napoli. È pur vero che un pentito di camorra nel 2013 disse che alcune rapine ai calciatori sarebbero state fatte perché?giocavano male. Ma sono passati molti anni da allora e qualche altro episodio è capitato, ma non è mai stato commesso dagli ultrà. Aurelio De Laurentiis, per evitare qualsiasi problema, ha creato un solco invalicabile tra i suoi giocatori e gli ambienti particolari. E chi aveva qualche amicizia “strana” è stato ceduto. Il presidente vuole che la sua società sia illibata e lo pretende anche attraverso le tante pagine di contratto da firmare. È successo più di una volta in passato che qualche suo tesserato sia stato fotografato assieme a qualche personaggio con precedenti penali. Quindi, niente collegamenti esterni con persone di un certo tipo. Massima libertà nel frequentare amici ma che non siano legati alla malavita. Adesso, però, si deve andare avanti. E cercare di far capire alle mogli di Allan e Zielinski che non sono in pericolo. La nostra è una città che protegge i propri beniamini. Se la squadra va male si fischia o si contesta ma non si arrivano mai a fare furti o rapine. Che ci sono stati ma non da parte dei tifosi che per ripicca si sono voluti vendicare dopo il no al ritiro. Di certo si deve uscire dalla crisi. E per farlo sarebbe fondamentali che le tre parti: società, squadra e tecnico, remassero tutti dalla stessa parte per ritrovare punti, serenità e voglia di andare avanti. Di questo passo ci si fa del male da soli a metà novembre. Quando ancora c’è una stagione da giocare.

Loading...
 
ULTIMISSIME HOME
TUTTE LE ULTIMISSIME
NOTIZIE SUCCESSIVE >>>